IndiExplosion

Notizie, recensioni, commenti sulla musica indie-rock e alternative

Gli Yuck dicono basta. Annunciato lo scioglimento

Arriva il triste giorno dello scioglimento per gli Yuck. Cala il sipario sulla band londinese a dieci anni esatti dal loro folgorante album di debutto che li aveva lanciati come una delle nuove realtà di riferimento del filone noise rock e shoegaze contemporaneo.

yuck scioglimento

La band formatasi nel 2009 dalle ceneri dei Cayun Dance Party, primo gruppo dei suoi fondatori Daniel Blumberg e Max Bloom, arriva a questa decisione dopo 3 album all’attivo ed un cambio di line-up nel 2013 (dopo l’addio dello stesso Blumberg).

Infatti dopo l’indimenticabile album di debutto omonimo del 2011 (pubblicato dall’etichetta Fat Possum), è stato il secondo lavoro Glow & Behold del 2013 a segnare la carriera degli Yuck, in cui la band diede prova di caparbietà e freschezza nonostante l’abbandono del cantante e leader Daniel Blumberg (già all’attivo con due album da solista, Minus (2018) e On & On dello scorso anno) e della new entry Ed Hayes alla chitarra. In questo senso, in Glow & Behold assistemmo a una scrittura corale da parte di tutti i membri della band, questa volta capitanati dalla voce del chitarrista Max Bloom.

Dopo l’Ep Southern Skies del 2014, arriva il conclusivo album Stranger Things del 2016.

Intanto anche Max Bloom ha pubblicato il suo primo e al momento unico album da solista, Perfume, uscito lo scorso anno.

La decisione dello scioglimento definitivo della band è stata annunciata nella giornata di oggi attraverso un lungo post pubblicato sulla pagina Instagram degli Yuck da Max Bloom. Dirette e semplici le parole utilizzate già nelle prime righe del post: “Oggi è il decimo anniversario del nostro debut album. Credo che sia ora giusto informarvi che non faremo più tour o registreremo nuova musica insieme“.

yuck si sciolgono

Vi lasciamo con qualche memorabile singolo che ha fatto la storia della band londinese.

Condividi(amo)!